osteoporosi odontoiatria

Osteoporosi, bifosfonati e cavo orale: quale relazione? cosa fare?

Osteoporosi ed odontoiatria, come interagiscono?

Molte sono le malattie che al giorno d’oggi si possono curare rispetto i decenni passati, la medicina ha progredito in ogni ambito ma vi sono interazione fra i vari rami?

In questo articolo vi riportiamo un esempio molto forte dell’interazione fra una problematica come l’osteoporosi e la medicina odontoiatrica.

Cos’è l’osteoporosi e come si cura?

L’osteoporosi è una malattia che rallenta drasticamente il processo di ricambio delle ossa, con il conseguente indebolimento di tutto l’apparato scheletrico.

Questa situazione porta la persona ad un rischio molto alto di fratture, e fratture patologiche

Vengono colpite da questa problematica soprattutto donne in menopausa, i medici specialisti utilizzano, per questi casi, farmaci della famiglia dei BIFOSFONATI che possono essere somministrati per via orale o endovenosa.

Quest’ultimi se somministrati per via orale possono provocare nausea o vomito e problematiche  all’esofago. Per questa ragione si consiglia di rimanere in piedi per la prima mezz’ora dopo l’assunzione. Se invece vengono somministrati per via endovenosa vi è la possibilità di problemi minori come congiuntiviti o uveiti, ma possono essere la causa di osteonecrosi della mandibola

Ecco perché PRIMA della somministrazione di questi farmaci , è INDISPENSABILE fare una VISITA DENTISTICA .

 

Osteoporosi e odontoiatria

Dato l’alto rischio di infezioni dovuto all’osteonecrosi tutte le operazioni chirurgiche che riguardano i denti non possono essere effettuate dal dentista.

Nonostante vi siano lunghi periodo di tempo dopo la sospensione dell’utilizzo di bifosfonati il rischio di focolai di infezione rimane alto.

Diventa pertanto indispensabile una visita dentistica per controllare lo stato di salute di tutto il cavo orale. In modo da poter escludere un qualsiasi tipo di intervento che sarebbe impraticabile se associato all’utilizzo di bifosfonati

Nel caso in cui si voglia riabilitare il cavo orale con protesi fisse con sostegno di impianti osteontegrati è indispensabile farlo prima di iniziare la cura per l’osteoporosi. Infatti dopo la somministrazione dei bifosfonati il tessuto osseo non si può più rimaneggiare pena la necrosi dell’osso stesso. 

Su questo aspetto lo studio Comin Chiaramonti è sempre molto attento, perché prima di tutto ci interessa la salute delle persone. A questo proposito siamo scrupolosi e premurosi nell’individuare situazioni critiche di interazione fra i vari campi della medicina, avendo a  nostra disposizioni colleghi di altre discipline con cui confrontarci.

Studio Dentistico Caterina Comin Chiaramonti a Dentista Verona

La Dottoressa Caterina Comin Chiaramonti è una professionista esperta nell’ ambito dell’ odontoiatria protesica, che comprende faccette, ponti, corone, intarsi e riabilitazioni protesiche su impianti.
Nel suo studio di Verona si dedica alla risoluzione di casi riabilitativi dai più semplici a i più complessi.

Commenti

commenti